New Landscapes o Le piante matte

Il progetto si ispira alle riflessioni sulla condizione del Post-moderno teorizzate del francese Gilles Clement il quale con il termine Terzo paesaggio, individua le aree con basso o nullo intervento antropico, prevalentemente aree ex industriali o spazi di risulta urbani, in cui la biodiversità si sviluppa in modo assolutamente spontaneo e sorprendente. La possibilità di valorizzare le forme di vita spontanea potrebbe ridefinire in modo interessante i profili delle città contemporanee.

New Landscapes o Le piante matte

Il progetto si ispira alle riflessioni sulla condizione del Post-moderno teorizzate del francese Gilles Clement il quale con il termine Terzo paesaggio, individua le aree con basso o nullo intervento antropico, prevalentemente aree ex industriali o spazi di risulta urbani, in cui la biodiversità si sviluppa in modo assolutamente spontaneo e sorprendente. La possibilità di valorizzare le forme di vita spontanea potrebbe ridefinire in modo interessante i profili delle città contemporanee.